Al Gentile sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro

Rifletto da giorni sulla sua decisione di rimuovere 49 testi per l’infanzia dalle biblioteche veneziane. Alcuni di questi libri raccontano ai bambini/e che le famiglie possono essere fatte anche da due papà, da due mamme, da famiglie “diverse”. Questo non le piace. Lei vuole che la famiglia resti com’è e vada protetta da incursioni omosessuali e destabilizzanti.

Bene. Da circa 60 anni in Italia esiste la Televisione che trasmette programmi da un’emittente pubblica la Rai e da molte emittenti private, Mediaset e altre. Con l’avvento della tv la comunicazione e l’informazione passano principalmente attraverso il video. Gli ultimi dati Istat ci raccontano un Paese, il nostro dove adulti/e e bambine/i guardano moltissima tv: da lì apprendono.

Istat ci dice poi che gli italiani sono scarsi lettori/trici di libri. Peccato, purtroppo però è una realtà.

Allora gentile sindaco, perché la sua azione sia efficace e non sia solo una manovra di bassa politica a cui si siamo purtroppo abituati da anni e se Lei volesse veramente compiere un’azione coerente, bisognerebbe che lei impedisse con uguale solerzia che i programmi televisivi in cui si propone la famiglia diversa e/o allargata, venissero sospesi.
I ragazzi/e appartengono alla generazione delle immagini: ma che razza di decisione antiquata è la vostra che reprime l’informazione scritta? Bloccando la trasmissione di immagini sì che Lei sarebbe veramente efficace!

In Rai le garantisco, a tutte le ore vengono intervistati divorziati/e, omosessuali, gay e quant’altro. Una delle trasmissioni tv amate dai ragazzi/e è Modern Family che racconta la vita di 3 famiglie: una “tradizionale” con papà mamma e figli, una che vede un divorziato risposato con una donna più giovane che ha già un figlio adolescente, e una formata da una coppia gay con una figlia. A scuola mi raccontano i ragazzi che amano questo programma perché è “pulito”: non c’è nulla di morboso ai loro occhi, solo amore.

Ora che l’ho informata mi aspetto che Lei, Signor sindaco, blocchi la trasmissione: entra in tutte le case e comunica a molti più giovani che i poveri 49 libri messi al bando. Solo così Lei e i genitori preoccupati, saranno certi che i loro ragazzi e ragazze potranno vivere all’interno di una gabbia che li metta al riparo della vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, la lezione di Atene (che l’Italia dovrebbe imparare)

next
Articolo Successivo

Charlie Challenge, il ‘gioco’ della seduta spiritica. “E’ risposta all’ipertecnologia”

next