Sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco otto miliziani del sedicente Stato Islamico. L’esecuzione è avvenuta dopo la decisione del Consiglio della Shura jihadista di Derna, da sempre vicina all’organizzazione terroristica di Al-Qaeda. A quanto riferito dall’emittente televisiva panaraba Al- Jazeera, il Consiglio avrebbe optato per la condanna a morte degli otto militanti, tra cui due tunisini e un egiziano, dopo aver accertato la loro implicazione in “omicidi, sequestro di persona ed attacchi con autobombe”.

Alleatosi con i cittadini di Derna, il Consiglio della Shura dei jihadisti sta recuperando sempre più terreno in una delle zone considerata fino a poco tempo fa “roccaforte” del Califfato islamico in Libia. Questa esecuzione fa da eco a quella eseguita qualche giorno fa dal gruppo ‘Jaysh al-Islam’, letteralmente ‘l’Esercito dell’Islam’, in un sobborgo di Damasco. I miliziani anti-regime siriano, infatti, hanno diffuso un video in cui una decina di combattenti dell’Is venivano giustiziati nella capitale siriana. 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kurdistan: Kobane è libera, noi ancora no

next
Articolo Successivo

Ungheria, muro con Serbia ed espulsioni rapide: il Parlamento approva la legge

next