La polizia americana finisce di nuovo sotto accusa per uso ingiustificato di violenza. L’agente Terrance Saulny è stato autore di un pestaggio nei confronti di una ragazzina afroamericana di 16 anni. L’episodio non è recente, ma è avvenuto lo scorso anno in un carcere minorile di New Orleans. Da pochi giorni è stato reso pubblico su YouTube. Nel video si vede il poliziotto, ripreso dalle telecamere di videosorveglianza, mentre all’interno di una cella percuote l’adolescente nera e poi la spinge violentemente contro il muro per colpirla con delle manette.

Saulny al termine di un’indagine del Public Integrity Bureau è stato licenziato. A sollevare dei dubbi sul caso c’è il fatto che l’uomo non ha affrontato nessuna accusa penale. La ragazzina secondo l’inchiesta non ha infatti riportato gravi ferite, ma un piccolo taglio al petto e un livido sul labbro inferiore.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Uber sospende UberPop in Francia: ‘Tuteliamo sicurezza autisti dopo violenze’

next
Articolo Successivo

Isis, conservatori britannici: “Bbc li chiami terroristi, sono come il nazismo”

next