Sui social network se n’è parlato tutto il fine settimana: Vieira ha schiaffeggiato Anelka con il suo pene. La notizia è di quelle da farci ironia per giorni, soprattutto nelle fitte platee di ‘battutisti’ che popolano i social network. E infatti, su Twitter si sono scatenati in molti: ‘peccato’ che la notizia sia un fake.

A far ritornare attuale la biografia dell’attaccante dell’Arsenal Nicolas Anelka (datata 2009), ridando ‘vita’ a questo episodio fake sembra essere stato un articolo uscito in Spagna qualche giorno fa e poi ripreso da un account twitter. Stando alla news, appunto falsa, riportata dai siti e dai giornali sportivi di mezzo mondo, nell’autobiografia dell’attaccante sarebbe riportato questo episodio: “Negli spogliatoi, dopo la doccia, mentro ero seduto, si avvicinò Vieira e mi schiaffeggiò con il pene. Nessuno credeva ai propri occhi, fu come prendere un salmone di 35 centimetri in faccia. Ruppe il silenzio Ashley Cole dicendo: “Ora tocca a me?”. Fu il momento più imbarazzante della mia vita”. A quel punto l’allenatore Wenger, entrato negli spogliatoi, indicando le parti basse di Viera, avrebbe detto: “Ecco perché Viera è il vostro capitano, guardate che cose”.

Satirical football news“: questa la dicitura riportata sotto l’articolo che racconta l’episodio. Una storia satirica, quindi, che ha fatto ridere il mondo dello sport (e non solo) ma che resta pur sempre un’invenzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profili Facebook arcobaleno, il vice parroco di Spongano: “Chi colora le foto non potrà fare il padrino”

next
Articolo Successivo

Copyright, l’Ue ridiscute la “libertà di panorama”: “Limiti per foto a paesaggi e monumenti”

next