Le code ai bancomat? “Non le fanno solo i cittadini greci, ma anche i politici”. Queste fotografie sono pubblicate dal magazine Zougla.gr, che sostiene siano state scattate sabato 27 giugno al bancomat del parlamento ellenico. E in Grecia stanno suscitando parecchie polemiche. Mentre in Aula si teneva il dibattito sul referendum proposto dal premier Alexis Tsipras, anche gli ellino-onorevoli, secondo il magazine, facevano la fila per ritirare un po’di contante, così come negli stessi attimi facevano i cittadini: solo nelle ultime 24 ore infatti sono stati ritirati 700 milioni di euro. In una foto si riconosce di spalle Nikos Fillis, capogruppo e speaker di Syriza alla Camera, ma anche altri dirigenti del partito di Tsipras.

Tra gli immortalati anche il vice ministro della Cultura Nikos Xydakis, i deputati Gioia Kafantari,  Rachel Makris e Costas Lapavitsas. Secondo la stampa greca è significativo che proprio i rappresentanti di Syriza si siano precipitati ai bancomat mentre quelli delle opposizioni no. E c’è chi in rete fa dell’ironia sostenendo che alcuni parlamentari dell’opposizione, citati nella Lista Lagarde, ci abbiano già pensato negli anni scorsi a portare via molto contante. Nel frattempo fuori dal Parlamento, parecchi sportelli bancomat sono rimasti “a secco”, dato che sono stati assaltati dai cittadini.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia al Referendum: Tsipras chiama i greci a una ‘responsabilità storica’

next
Articolo Successivo

Grecia, Eurogruppo: “E’ stata Atene a rompere i negoziati con noi”. Varoufakis: “No a referendum è antidemocratico”

next