I jihadisti dell’Isis hanno giustiziato cinque prigionieri. Prima hanno legato loro le mani, in modo che non si potessero muovere, poi li hanno rinchiusi in una gabbia, li hanno calati in uno stagno e li hanno lasciati affogare. Le telecamere dello Stato islamico hanno testimoniato il momento dell’immersione e hanno filmato l’annegamento. Il video è stato pubblicato sul versione online del Mirror, quotidiano britannico.

Oltre i cinque annegati ci sono state 16 vittime a Ninive, in Iraq. Alcuni prigionieri sono stati rinchiusi in un auto e sono stati fatti saltare in aria con un colpo di bazooka. Anche in questo caso, un filmato testimonia tutto. Altri detenuti, almeno sei, sono stati fatti saltare in aria con dell’esplosivo, legato al collo, dopo aver confessato di essere delle spie.

Ancora una volta l’Isis, nei propri video, ha utilizzato una gabbia per richiudere il prigionieri prima dell’esecuzione. Lo scorso 3 febbraio il gruppo fondamentalista aveva pubblicato online un video in cui un pilota giordano veniva bruciato vivo dentro una gabbia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palmira, fonti locali: “Isis ha iniziato a distruggere le rovine archeologiche”

prev
Articolo Successivo

Usa, svolta di Obama: famiglie dei rapiti potranno pagare riscatti ai terroristi

next