Mosca annuncia che arricchirà il proprio arsenale nucleare, la Nato risponde parlando di “tintinnio di sciabole ingiustificato”. È l’ultima puntata della nuova guerra fredda scoppiata tra la Russia e l’Alleanza Atlantica in seguito alla crisi ucraina.

La Russia “sta sviluppando nuove capacità nucleari – ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg – usa di più la retorica atomica nel comunicare la strategia di difesa”, le dichiarazioni di Putin “confermano uno schema aggressivo” e sono “un tintinnio di sciabole ingiustificato, destabilizzante e pericoloso”. Le parole del numero uno dell’Alleanza seguono l’annuncio arrivato in mattinata da Mosca, che aggiungerà quest’anno più di 40 nuovi missili balistici al suo arsenale nucleare. A dare la notizia è stato lo stesso presidente russo Vladimir Putin, che ha precisato che i nuovi missili Icbm “saranno in grado di superare anche il più tecnicamente sofisticato sistema di difesa missilistico“.

Intervenendo al forum dell’industria bellica ‘Army-2015’ a Kubinka, vicino Mosca, Putin ha fatto sapere che le truppe russe “hanno cominciato a ricevere i mezzi corazzati” di ultima generazione mostrati nella colossale parata del 9 maggio in piazza Rossa per il 70° anniversario della vittoria sovietica sul nazismo. “Se qualcuno mette in pericolo il territorio della Russia, essa deve puntare i propri armamenti verso i Paesi da dove proviene questa minaccia” ha detto Putin in un incontro con il presidente finlandese Sauli Niinisto. “È la Nato – ha insistito il presidente russo – che si sta avvicinando alle nostre frontiere, non noi”.

Le dichiarazioni del presidente russo arrivano in un momento di particolare tensione tra Mosca e l’Occidente per la crisi ucraina, con Washington che potrebbe dispiegare armi pesanti in Europa orientale. “La sensazione è che i nostri colleghi dei Paesi Nato ci stiano spingendo a una corsa agli armamenti”, ha dichiarato il vice ministro alla Difesa russo, Anatoly Antonov.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Presidenziali Usa, Trump 12° candidato repubblicano: “Obama? Una cheerleader”

next
Articolo Successivo

Appunti dal mondo a km zero – Riga

next