Due esplosioni hanno provocato quattro morti e 350 feriti. È successo a Diyarbakir, capitale del Kurdistan turco che si trova a sud-est della Turchia, durante il raduno del partito filo-curdo Hdp, secondo quanto si legge sull’agenzia Fiat. A sentire il ministro dell’Agricoltura Mehdi Eker, i morti accertati sarebbero due, mentre per il ministro della Salute Mehmet Muezzinoglu oltre 20 persone sono state ricoverate in ospedale.

Il presidente dell’Hdp Selahattin Demirtas ha esortato i sostenitori del partito a mantenere la calma in un’intervista in diretta rilasciata a Cnn Turk. “Non conosciamo la causa dell’esplosione. Fa riflettere il fatto che ciò sia accaduto così vicino alle elezioni”. Domenica 7 giugno, infatti, si svolgeranno in Turchia le elezioni parlamentari e secondo gli ultimi sondaggi il partito curdo potrebbe essere la rivelazione. Riuscirebbe infatti a superare il 10% e a conquistare 62 seggi in Parlamento, mettendo in seria difficoltà l’Akp, il partito del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che non riuscirebbe ad arrivare a 276 seggi, che servono per governare da solo.

Per il presidente Erdogan, la doppia esplosione di Diyarbarkir è stata una “provocazione” mirata a minare la pace prima delle elezioni di domenica. In un comunicato ha anche espresso le sue condoglianze per le vittime.

Stando alle prime ricostruzioni di alcuni media turchi, a provocare le esplosioni – distanziate di cinque minuti – sarebbe stato un cortocircuito a una centralina elettrica. Ma il ministro dell’Energia Taner Yildiz ha escluso la pista dell’incidente elettrico. “La nostra ispezione – spiega – ha chiaramente dimostrato che la fonte dell’esplosione non è stata l’unità di distribuzione elettrica”, in quanto “la porta è stata danneggiata da una pressione proveniente dall’esterno verso l’interno e non viceversa”.

Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha promesso che saranno fatte indagini per capire “se si è trattato di un’esplosione dell’unità di distribuzione di energia, di un tentativo di omicidio o di una qualche tipo di provocazione e annunceremo i risultati nel più breve tempo possibile. Come in passato abbiamo preso gli autori di attacchi contro l’Hdp, prenderemo i colpevoli anche in questo caso”.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, le esplosioni al comizio contro le spinte democratiche curde

next
Articolo Successivo

Messico, domenica il voto: ucciso il 5° candidato in 4 mesi. 20 i politici trucidati

next