Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso di Silvio Berlusconi contro il provvedimento della Banca d’Italia che impone all’ex cavaliere la cessione del 25% di Mediolanum detenuto dalla Fininvest che non potrà avere più del 9,9% della rete bancassicurativa. La decisione della Banca d’Italia sulla partecipazione era stata presa a seguito della perdita dei requisiti di onorabilità dell’ex presidente del Consiglio per la sentenza sui diritti Mediaset. Lo scorso ottobre Bankitalia aveva infatti sancito che Berlusconi, in seguito alla condanna, non può rimanere azionista rilevante del gruppo bancario, perché ha perso i requisiti di onorabilità. Così il consiglio di amministrazione aveva dato mandato all’amministratore delegato di sciogliere il patto di sindacato con Ennio Doris, fondatore di Mediolanum, e studiare l’istituzione di un fondo fiduciario. Al ricorso aveva partecipato anche la Holding Italiana Quarta di Marina Berlusconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Banche e assicurazioni, polizze abbinate ai mutui “troppo care e opache”

next
Articolo Successivo

Riciclaggio, Svizzera modifica legge per impedire arrivo di denaro non dichiarato

next