Le parole sono importanti. Su DiPré e compagna (Sara Tommasi ndr) se ne sono spese tante e probabilmente non invano: il profilo pubblico del “critico d’arte” è stato chiuso dopo diverse segnalazioni inviate dagli utenti del social network. Uno di loro, William Anselmo, ha dichiarato: “Diprè è un fenomeno mediatico che si nutre di visibilità, basta chiudere il rubinetto dei clic per neutralizzarlo. Sono uno dei tanti ad aver segnalato la sua pagina a Facebook e lo farò anche in futuro”.

Ma nel frattempo, per una pagina chiusa, ne stanno nascendo altre tra cui una che pare sia gestita nuovamente dallo stesso DiPrè. Ad essere felice dell’oscuramento della pagina dello scopritore di talenti trash anche Selvaggia Lucarelli che scrive: “Hanno finalmente chiuso la pagina facebook di Andrea Diprè. Segnalate anche le prossime che aprirà il verme, grazie.” Pare già che gli utenti l’abbiano presa in parola visto i commenti sul nuovo ipotetico profilo pubblico, aperto in queste ore. Chissà cosa s’inventerà il personaggio più discusso del momento visto che la settimana prossima sposerà a Montecarlo Sara Tommasi e proprio su Facebook la loro storia è diventata un reality con aggiornamenti quotidiani. Una cosa è certa, l’unione fa la forza e grazie a tutte le segnalazioni ha vinto il buonsenso. Anche se siamo sicuri che di DiPré si continuerà a parlare… To be continued…

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Thinx, un mondo senza assorbenti? “Immagina, puoi”: dagli Usa gli slip creati ad hoc per il ciclo

next
Articolo Successivo

Amici 2015, trionfano Stash & The Kolors. E Roberto Saviano torna per la finale

next