Avere il ciclo mestruale e non dover usare assorbenti? Possibile, almeno stando alla proposta commerciale che arriva da un gruppo di ragazzi di New York. Thinx, questo il nome della loro invenzione: di cosa si tratta? Mutandine a più strati che assorbono le perdite e hanno una struttura studiata ad hoc per proteggere dai batteri. Sul sito è possibile acquistare l’intera gamma, pensata per ‘fronteggiare’ tutte le fasi del ciclo mestruale: dal perizioma, adatto per i giorni di flusso minore, alle culottes, ideali per i giorni più “caldi”. L’idea di ‘piccola rivoluzione‘, che ha anche dei risvolti ecologici, è venuta a una delle giovani fondatrici, Miki Agrawal, che ha detto di averci pensato dopo essersi macchiata durante una riunione: dall’imbarazzo è arrivata l’intuizione. Assorbenti addio? Presto per dirlo.

E questo nuovo business tutto newyorkese ha anche un risvolto benefico: parte dei proventi ricavati dalle vendite sono devoluti a Afripads associazione che si occupa di migliorare la cura dell’igiene personaledi donne e ragazze africane durante il periodo mestruale.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sex and the Teens, il sesso delle adolescenti tra baby prostitute, cam girls e video porno online

prev
Articolo Successivo

Andrea Diprè, chiuso il profilo Facebook: Zuckerberg ‘cede’ alle segnalazioni degli utenti

next