E’ un Max Pezzali a tutto campo quello che, cappellino e T-shirt d’ordinanza, presenta la sua ultima fatica, “Astronave Max“, album in uscita il primo giugno, prodotto da Claudio Cecchetto e Pier Paolo Peroni con Davide Ferrario. “L’astronave perchè sono sempre stato appassionato di viaggi nello spazio. E’ un mezzo con cui elevarsi dalla terra e guardarsi da lontano, ridimensionando i problemi e le questioni che visti da vicino ci sembrano troppo grandi”.

Nell’intervista con il cantante pavese con FQMagazine sono molti i temi toccati, a partire dalla critica alla tendenza da parte dei cantanti (vedi Fedez e J-Ax) ad esporsi su ogni tema possibile: “Spesso faccio fatica a condividere alla sera una cosa che ho detto al mattino: non penso di dover intervenire su ogni tematica, ma rispetto chi lo fa”. Ancora, dal rapporto con i social network allo stato di salute della discografia, oggi nella morsa dei talent show: “E’ un momento di transizione, non si sa dove si finirà, ma di certo l’industria discografica deve recuperare la sua funzione, prendendosi il tempo e la responsabilità di far crescere nuovi artisti”. La chiacchierata ha avuto anche una virata amarcord: “Sono affezionato a tutti i miei pezzi, ho sempre raccontato il mio presente, non potrei mai rinunciare a ‘Gli anni’ in uno dei miei concerti”.  Alla fine non è mancato un passaggio sul calcio, una delle passioni di Pezzali, che si è lanciato in un pronostico sulla finale di Champions League: “Sulla carta la Juve ha i numeri per farcela ai rigori, ma…”

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mumford And Sons, la ‘svolta elettrica’ con ‘Wilder Mind’

next
Articolo Successivo

Federico Capitoni: “Il profilo del critico musicale? Sta in mezzo a quello del giornalista e del musicologo”

next