Uomini armati hanno fatto irruzione negli edifici governativi di Mogadiscio, in Somalia, in cui hanno sede i ministeri dell’Istruzione universitaria e del Petrolio. Il bilancio, secondo il portavoce del governo Ridwan Haji Abdiweli, è di dieci vittime, di cui otto civili e due soldati. Molti sarebbero i feriti, tra i quali risultano – secondo quanto riferito dai media locali – il direttore generale del ministero Ismail Yusuf e il responsabile della sicurezza nel dicastero. Durante il blitz delle forse speciali sono stati uccisi anche sette assalitori.

L’agguato, preceduto da una forte esplosione probabilmente a opera di un kamikaze, è stato rivendicato dal gruppo estremista islamico radicale al-Shabab: “Siamo dentro e i combattenti stanno proseguendo”, ha riferito durante l’attacco il portavoce Abdiasis Abu Musab, che ha parlato di “operazione sacra”. “Il palazzo è sotto attacco”, ha commentato la polizia del Paese, mentre un testimone ha raccontato: “Gli assalitori sparano dalla sommità dell’edificio, mentre le forze del governo sparano da ogni parte”. Dopo circa un’ora dal suo inizio, l’agguato si è concluso con l’uccisione di due assalitori da parte delle forze dell’ordine somale. Un ufficiale ha dichiarato: “Le forze dell’Unione africana sono sempre rimaste nell’edificio per garantire protezione, altrimenti la situazione sarebbe stata peggiore. Ora i combattimenti sono finiti e il palazzo è stato messo in sicurezza”.

A fine marzo i fondamentalisti somali al-Shabab avevano attaccato l’hotel Maka al-Mukaram a Mogadiscio, frequentato da parlamentari e funzionari amministrativi. Nell’assalto, durato 13 ore, erano morte diciotto persone, tra cui lambasciatore Onu in Svizzera.

Nel frattempo il governo del Kenya ha avviato i lavori per la costruzione di un muro di sicurezza al confine con la Somalia, destinato ad arginare le incursioni dei militanti di al-Shabab. Il direttore dei servizi d’immigrazione keniota, Gordon Kihalangwa, ha dato il via formale ai lavori e ha esortato la popolazione locale a sostenere il progetto. Il muro partirà dalla città settentrionale di Mandera e attraverserà tutte le contee che confinano con la Somalia, Mandera, Wajir, Garissasede dell’attacco al campus universitario – e Lamu.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016: 7 uomini (sette) contro una donna

next
Articolo Successivo

Cuba-Stati Uniti: disgelo storico, vada avanti

next