Un bambino di 8 anni e mezzo affetto da autismo è precipitato dal secondo piano di un istituto assistenziale di Milano in zona Stazione Centrale ed è stato trasportato in codice rosso all’ospedale di Niguarda. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente: la polizia dovrà stabilire se il bimbo si sia lanciato nel vuoto o se sia invece caduto a causa di una crisi o di un movimento sbagliato e involontario.

Il bambino è stato sottoposto ad una delicata operazione chirurgica per cercare di stabilizzare i diversi danni dovuti all’impatto della caduta fortunatamente attutita, seppur di poco, dal prato all’esterno dell’istituto. Al momento è in coma e in prognosi riservata. La polizia sta lavorando alla ricostruzione degli eventi perché sembra che il ragazzino si trovasse da solo nella stanza al momento dell’incidente e vanno quindi verificate carenze nella sorveglianza e definite eventuali responsabilità. “Ho sentito l’urlo delle mamme che hanno visto il bambino a terra -ha spiegato Carmen Mesa, domestica in un bar nei pressi la struttura- e sono uscita a guardare. Era svenuto, non si muoveva. E’ stato uno choc”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo-Catania, frana monitorata da dieci anni. “Ma nessun intervento”

prev
Articolo Successivo

L’Aquila, chiude l’aeroporto: “Pochi voli commerciali” e milioni di euro in fumo

next