Con la Pasqua e le prime giornate di bel tempo in tanti iniziano a pensare di montare nuovamente i pneumatici estivi. Ma prima di rimettere in garage le gomme invernali bisogna aspettare il 15 aprile, giorno in cui scadono contemporaneamente tutte le prescrizioni – comunali, provinciali, regionali, delle Autostrade e dell’Anas – di equipaggiare l’auto con le “dotazioni invernali”, ossia “pneumatici invernali oppure catene a bordo”. Beh, quasi tutte le prescrizioni, visto che le Autovie Venete introducono un’eccezione (e creano confusione) anticipando di 15 giorni la scadenza dell’obbligo: dal 1° aprile 2015 non sono necessarie le dotazioni invernali sull’A4 dalla connessione con la A57 Tangenziale di Mestre fino a Sistiana; sull’A28 da Portogruaro all’interconnessione con la A27 (Conegliano); sull’A23 da Udine Sud fino all’interconnessione con la A4 (Palmanova); sull’A34 da Villesse a Gorizia.

Se in inverno in molte zone d’Italia le regole sono rigide, comunque, in estate gli automobilisti sono più liberi: non è vietato dalla legge continuare a usare le invernali anche dopo il 15 aprile, se queste presentano tutte le caratteristiche indicate sulla carta di circolazione. Però è sconsigliabile, perché la mescola morbida si deteriora velocemente sotto il solleone e a contatto con l’asfalto rovente. Inoltre, utilizzare i pneumatici giusti per la stagione – invernali in inverno, estivi d’estate – garantisce prestazioni migliori, in particolare in frenata.

L’unico caso in cui sia obbligatorio tornare alle estive – entro un mese dalla scadenza dell’obbligo, ossia entro il 15 maggio, pena sanzioni pecuniarie, il ritiro della carta di circolazione e l’invio del veicolo alla revisione – è quello in cui ci si sia avvalsi della possibilità di montare gomme invernali con codice di velocità inferiore a quello previsto dalla carta di circolazione. Il codice di velocità è la lettera con cui si conclude la sigla di marcatura dei pneumatici e indica la velocità massima raggiungibile: in estate è obbligatorio montare pneumatici con codice di velocità uguali o superiori a quello indicato nel libretto, mentre in inverno (15 ottobre–15 aprile) si può scendere di un gradino. Una possibilità contemplata per legge che interessa a pochi, perché la differenza di prezzo al variare del codice di velocità è irrisoria: meglio scegliere pneumatici con caratteristiche conformi a quelle indicate sul libretto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aneis, Rc Auto: “il governo difende lobby assicurazioni a danno dei consumatori”

next
Articolo Successivo

Dealer Day 2015, Federauto ripropone sgravi fiscali per dare ossigeno al mercato

next