Fu una spedizione punitiva della camorra, la vendetta di un boss. E in quel raid nel campo nomadi di Secondigliano, era il giugno del 2004, a pagare per un furto, messo a segno da altri, furono due innocenti. Oggi cinque uomini ritenuti affiliate al clan Mazzarella di piazza Mercato, a Napoli, sono stati arrestati dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Napoli perché ritenuti responsabili di quattro omicidi, tra cui quelli di Mirko e Goran Radosavljevic di 19 e 22 anni. I killer volevano soddisfare il desiderio di rivalsa del boss Franco Mazzarella che poco prima aveva subito un furto in casa mentre era ai domiciliari.

A mettere a segno il colpo furono due rom ignari del fatto di avere preso di mira “la casa sbagliata”.  Gli assassini scelsero a caso due persone e le giustiziarono. Ad assistere all’omicidio una una bambina e di un ragazzo di 11 anni. Subito dopo il raid si ipotizzò che i due ragazzi avevano compiuto uno sgarro ed erano stati puniti forse per qualche furto ai danni di ”intoccabili” o loro amici. L’azione era stata pianificata nei minimi dettagli: sentinelle sui motorini avevano a lungo studiato la situazione, poi erano arrivate due auto, di cui una faceva da scudo.

Il gruppo di fuoco, finito in manette, è ritenuto responsabile anche di altri due omicidi, quello di Francesco Ferrone, avvenuto il 3 febbraio del 2004 e quello di Antonio Scafaro, avvenuto il 6 marzo del 2005. A fare luce sui quattro assassinii hanno contribuito alcuni collaboratori di giustizia, ex esponenti di rilievo del clan Mazzarella

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Modella svedese sequestrata, altre ragazze chiedono di essere sentite

prev
Articolo Successivo

Irene Focardi, suo il cadavere ritrovato in sacco a Firenze. Era scomparsa a febbraio

next