Vi ricordate Il braccio violento della legge, diretto da William Friedkin, interpretato da Gene Hackman, anno di grazia 1971? Ebbene, il titolo originale era The French Connection, e 44 anni dopo è finalmente arrivato il momento di girare la camera e rivelare al mondo il “gemello” d’Oltreoceano: French Connection nelle sale italiane, The Connection o La French nella denominazione gallica.

Siamo a Marsiglia, quattro anni dopo l’uscita della pietra miliare di Friedkin: il giudice Pierre Michel (Jean Dujardin) viene riassegnato da Metz alla città portuale francese, dove il boss Gaetan Zampa (Gilles Lellouche) fa il buono e il cattivo tempo e spaccia come se non ci fosse un domani. Storia vera, sulla rotta stupefacente Marsiglia-New York, opportunamente riscritta a uso e consumo spettacolare: French Connection ridà gloria al polar, la variante autoctona di poliziesco e noir, ha una fedeltà quasi commovente nella ricostruzione scenografica di Marsiglia Anni 70-80 e, non è necessariamente un difetto, si discosta dal mood letterario di Jean-Claude Izzo per una rilettura glocal di quel milieu criminale, ovvero votata alla distribuzione internazionale del film.

Obiettivo raggiunto, del resto, per la Francia da esportazione il periodo è oltremodo positivo: se il capolavoro noir di Jean-Patrick Manchette Posizione di tiro (The Gunman) è stato appena trasposto al cinema per la regia di Pierre Morel e le prove di Sean Penn, Javier Bardem e la nostra Jasmine Trinca, oggi accanto a questo “romanzo criminale” con il premio Oscar Dujardin (The Artist) arrivano nelle nostre sale via Ventimiglia una commedia con il cervello, La famiglia Bélier, e il kolossal sino-francese L’ultimo lupo, sintomo inequivocabile di una varietà di generi, di un dinamismo produttivo e di un appeal internazionale che il sistema Italia si sogna – noi si esporta solo cinema d’autore, ovvero di pochissimi autori.

Tant’è, il merito di French Connection non è solo metonimico, non è solo industriale: il quasi Carneade Cédric Jimenez, all’opera seconda, dirige con sicurezza e piglio da veterano, ossia con una camera che può essere ferro – nelle sequenze a mano armata, coreografate con pregevole rudezza – o può essere piuma – il contesto familiare/relazionale del giudice e del boss. Non che ci sia proprio da spellarsi le mani, ma il risultato acquisito è il migliore degli ultimi anni nel territorio polar, capace di irridere per drammaturgia, resa stilistica e, sì, prove attoriali Il cecchino di Placido e L’ultima missione di Olivier Marchal. Già, gli attori: nel ruolo di Pierre Michel, il giudice antidroga che collaborava con il nostro Falcone, Dujardin conferma uno spettro interpretativo non comune, è bello, bravo e fascinoso (anche in servizio), Gilles Lellouche, nei panni del signore della droga, gli tiene testa nella tenzone guardie-ladri e gli altri – dalle donne fataliste Céline Sallette e Mélanie Doutey alla faccia da schiaffi Benoît Magimel – non sono da meno.

Mentre la luce di Marsiglia brucia tutto, Jimenez e la compagna sceneggiatrice Audrey Diwan compiono una scelta ugualmente abbacinante nell’economia – e nell’etica – del genere: Pierre Michel è un eroe borghese, ma trascura la famiglia e vuole vincere al banco degli imputati come al tavolo da poker che lo soggiogava; Zampa, lo vediamo nel rapporto con i suoi cari, non è il mostro della cella accanto; in breve, il manicheismo non abita qui. Ed è la zavorra di cui liberarsi per meglio affondare il colpo: il bersaglio di French Connection è la corruzione, che dalla polizia alla politica tutto guasta. Con conseguenze devastanti: chi combatte muore o finisce dentro, invece, chi è corrotto prospera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mia madre, il lento addio prima del lutto. Il trailer del film che andrà (?) a Cannes

prev
Articolo Successivo

‘Il segreto’. C’era una volta a Napoli: nel doc la città ancestrale dei bambini

next