È maestro di una cucina raffinata ed elegante e allievo di Gualtiero Marchesi. Andrea Berton, classe 1970, quando è ai fornelli ha un solo obiettivo: creare piatti moderni che sappiano valorizzare gli ingredienti base e recuperare il passato. “Ho identificato la mia cucina anche con i brodi – racconta lo chef a FQmagazine – Presento un menù in cui ogni portata ha un brodo in abbinamento che può essere versato nel piatto per completarlo o bevuto da una tazzina”. A FQmagazine Berton ha mostrato come preparare un “moderno” risotto in brodo con teste di gamberi, ricetta in cui prima viene cotto il riso e poi è aggiunto il brodo (vedi video). Nel suo ristorante milanese, che a meno di un anno dall’apertura può già vantare la prima Stella Michelin, lo chef racconta anche del suo rapporto con i talent show di cucina, descrivendo un mestiere dove serve molta umiltà e voglia di lavorare. Svelato anche qualche piccolo segreto dello chef: “A casa ai fornelli mi piace lasciare spazio a mia moglie che è molto brava”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guida Michelin, come si valutano hotel e ristoranti? “Prenotazioni sotto falso nome, criteri rigidi”

next
Articolo Successivo

Cascina Cuccagna, la campagna nel cuore di Milano: ostello, ristorante e laboratori permanenti

next