Di chilometri Sergio Lovrinovich ne fa circa trentamila l’anno. Poca roba, perché spesso usa l’aereo e perché il caporedattore della guida Michelin si muove molto meno rispetto ai suoi colleghi. I ‘mitici ispettori’, invece, ogni anno si sciroppano circa ottocento visite ad alberghi e ristoranti, assaggiando i piatti, controllando le stanze, guardando come vengono serviti gli altri clienti, ispezionando i centri benessere e gli altri servizi dell’albergo. Il tutto in incognito, con prenotazioni sotto falso nome e un anonimato che può scomparire, solo a volte, rigorosamente quando il conto è stato saldato è c’è bisogno di qualche informazione supplementare.

“Per la guida Michelin l’anonimato è fondamentale – precisa il caporedattore -. Perché dobbiamo essere nelle stesse condizioni nelle quali si troveranno i nostri lettori, che sono i clienti tipici di questo tipo di strutture”. E’ mai capitato di essere scoperto? “Qualche è volta. Ma non ho mai sentito pressioni da parte della cucina. Noi dobbiamo essere liberi di ordinare qualsiasi piatto, anche quelli ‘minori’ e non dobbiamo limitarci ai piatti migliori dello chef”.  “Dopo il pernottamento in albergo e le prime valutazioni – spiega Lovrinovich – la giornata inzia con la colazione e una visita alla struttura”. Accoglienza, posizione dell’hotel, pulizia, livello dei servizi e il prezzo sono alcuni dei parametri presi in esame dall’ispettore che, in sostanza, deve rispondere a una domanda: “Consiglieresti questo albergo a un amico?”.

A pranzo è il ‘momento del ristorante’: l’ispettore valuta il menu, il rapporto qualità-prezzo, servizio, stagionalità dei prodotti, lista dei vini. E mentre aspetta guarda cosa succede negli altri tavoli. Se qualcuno si lamenta o il servizio è poco efficiente. Ordina almeno tre piatti che, per i ristoranti ‘top’, diventano anche quattro o cinque. Il ristorante sarà valutato anche a cena, perché bisogna testare il maggior numero di piatti presenti in menu per capire “le qualità tecniche dello chef e se la qualità generale è costante”.

Spesso con gli studi di una scuola alberghiera alle spalle, l’aspirante ispettore deve seguire un percorso di formazione di 6-12 mesi dove impara le regole della casa e come si valuta una struttura. Poi parte l’affiancamento con il collega esperto fino a quando è libero di addentrarsi in menu e stanze d’albergo. Alla fine di ogni visita compila un report e tutto sarà poi esaminato insieme ai colleghi per decidere se una struttura può entrare o meno nella guida o, addirittura, ricevere qualche stella.

Il lavoro sul campo è abbinato a una continua fase di “scouting” grazie agli albergatori che segnalano le aperture di nuovi ristoranti nella zona, alle indicazioni dei clienti, alle auto candidature e alle infomazioni che arrivano dagli uffici turistici.  “C’è sempre qualcosa da scoprire. Il livello medio è in crescita e oggi lo chef non è più solo un dipendente, ma spesso tenta l’avventura imprenditoriale”. E vuole arrivare a quella benedetta stella. Forse perché siamo nell’era di Trip Advisor e dei commenti alla portata di tutti, Lovrinovich assicura che gli chef sono contenti di ricevere la visita degli ispettori. Salvo poi lamentarsi se il verdetto non è quello che speravano. Quando esce la guida infatti quelli che non ce l’hanno fatta a volte si lamentano, chiedono speigazioni. E allora tocca a Lovrinovich rispondere e, senza rivelare i voti, indicare in termini generici le aree lacunose. Una piccola consulenza che può valere oro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Costardi Bros., chef con una stella Michelin: “I nostri ‘spaghetti western’ perfetti al cinema”

next
Articolo Successivo

Andrea Berton, lo chef mostra in un video come cucinare un “moderno” riso in brodo

next