Il ministero delle Infrastrutture sapeva dell’inchiesta della Procura di Firenze su Ercole Incalza già da febbraio 2013, tanto da rassicurare i magistrati dicendo che avrebbero iniziato un’indagine interna. Che non ha avuto nessun risultato se non quello di una nuova nomina per “Ercolino”. Il racconto del comportamento del ministero (che ha anche chiesto gli atti ai pm) parte dal 14 febbraio 2014 quando – dopo che Incalza era stato perquisito nel gennaio precedente – arriva un fax della Divisione generale del personale e Affari generali del ministero. “Dagli articoli di stampa – è scritto nel fax – si è appurato che pende un’indagine penale a carico di 31 indagati, tra i quali Incalza e Mele.

Considerato che i fatti per cui si procede a quanto risulta rivestono profili di notevole gravità, (…) l’amministrazione sta procedendo a un’indagine ispettiva interna, volta a verificare il puntuale e corretto rispetto delle norme. A tal fine si renderebbe quanto mai opportuno acquisire copia dell’ordinanza ed eventuali atti d’indagine”. Non era un’ordinanza ma un decreto di perquisizione. Poi il ministero invia alla Procura i contratti di Incalza per il 2011 e il 2012 (con Passera), con le relative nomine. Alla fine i pm concludono: “Non risulta che la paventata indagine interna del ministero abbia prodotto conseguenze in riferimento alla permanenza nell’impiego di Incalza che invece è stato riconfermato sino al 31 dicembre 2014”, da Maurizio Lupi.

da il Fatto Quotidiano di venerdì 20 marzo 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lupi, il manager racconta il sistema: “Paese di merda, ma ho fatto i soldi”

prev
Articolo Successivo

Expo 2015 e inchiesta Incalza: spettro commissariamento su Palazzo Italia

next