“Volevo dare una mano alle forze dell’ordine”. E’ questa la giustificazione che Luciano Fronti, meglio conosciuto come Dj Giuseppe, una delle voci più popolari di Radio 105, ha dato al giudice durante il processo per direttissima, nel quale ha patteggiato una condanna a sei mesi di reclusione con la condizionale.

Lunedì sera i carabinieri di Milano lo hanno sorpreso in piazza Dergano, zona Comasina, vicino a un supermercato Simply, mentre era sintonizzato sulle frequenze delle forze dell’ordine grazie a una radio portatile. Quando i militari gli hanno chiesto se fosse un collega, Fronti ha mostrato un tesserino di assistente capo della polizia di Stato a suo nome e un distintivo in metallo, identificandosi come “agente dell’antiterrorismo”. Addosso aveva anche una pistola giocattolo a gas priva di tappo rosso con otto pallini nel caricatore. I carabinieri si sono insospettiti, hanno controllato i documenti e non hanno impiegato molto a scoprire che erano falsi.

Fronti non ha dato nessuna spiegazione ed è stato accompagnato a casa, dove i carabinieri hanno trovato 14 grammi di marijuana e per questo sono scattate le manette. La condanna, però, non è arrivata per la droga o per la pistola modificata, ma per per “possesso di segni distintivi contraffatti” e “cognizione illecita di comunicazioni o conversazioni telefoniche“. Gli è stata concessa la non menzione nel casellario giudiziario. A tal proposito il giudice Aurelio Barazzetta gli ha detto: “Se per cinque anni non andrai in giro a fare il poliziotto quest’esperienza sarà cancellata”. Subito dopo l’udienza Dj Giuseppe è tornato alla sua trasmissione in diretta, dove ha scherzato con gli ascoltatori, come sempre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aborto, 17enne trova online farmaco per fermare gravidanza e rischia morte

prev
Articolo Successivo

Calipari, 10 anni fa la morte dell’agente del Sismi che liberò Giuliana Sgrena

next