Un cane che scappa con una copia di Charlie Hebdo in bocca, e ad inseguirlo caricature tra l’umano e il canino di Nicolas Sarkozy, Marine Le Pen, Papa Francesco e uno jihadista, rappresentato come un grosso lupo nero con un kalashnikov in bocca. Disegni neri, sfondo rosso, e il titolo ‘C’est reparti!’ (si ricomincia). E’ la copertina del nuovo numero di Charlie Hebdo, il secondo dopo l’attentato del 7 gennaio, che sarà in edicola da mercoledì in 2,5 milioni di copie.

Dopo sei settimane il settimanale satirico ricomincia la pubblicazione. L’ultimo numero in stampa era stato prodotto a sette giorni dalla strage nella redazione e ne erano state vendute oltre 5 milioni di copie. Nei giorni scorsi la redazione stessa aveva detto di non sapere quando sarebbero ripartiti a a causa delle difficoltà organizzative e psicologiche. A inizio gennaio i due terroristi Kouachi hanno fatto irruzione nella sede a pochi passi dalla Bastiglia e ucciso dieci membri della redazione. Tra loro alcuni dei vignettisti più famosi come Charb e Wolinski.

charlie hebdo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gazza Tv, la scommessa della televisione Rcs passa (anche) dalle mani di Infront

next
Articolo Successivo

Editoria, Ddl concorrenza: a che punto è il divieto di incroci proprietari?

next