L’Associazione professionale di estetica oncologica (APEO), i cui scopi sono finalizzati a definire il profilo professionale e gli standard formativi per ottenere la relativa qualifica professionale, organizza corsi di alta formazione specialistica per estetiste, dove la ricerca estetica e quella medica si incontrano per ridurre gli effetti e dare benessere alle persone in terapia oncologica, con l’intento di mitigare i segni che le operazioni chirurgiche e le cure contro il cancro possono comportare.

Al corso, che ha visto i medici dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) nel ruolo di docenti, hanno partecipato settantacinque estetiste, provenienti da tutta Italia, alle quali oggi sono stati rilasciati gli attestati di frequenza, che certificano l’acquisizione delle competenze necessarie per ridurre il disagio del paziente oncologico.

Chi affronta una malattia grave, con i conseguenti antiestetici effetti collaterali, come la caduta dei capelli e delle sopracciglia, i gonfiori e le cicatrici, deve affrontare in modo diretto queste stesse situazioni di disagio, nei confronti del partner, della famiglia, dell’ambito lavorativo.

Il ruolo delle estetiste in oncologia, sempre più importante perché necessita di una conoscenza globale e di un approccio completo alla cura, permette quindi di intervenire adeguando i consueti trattamenti estetici alle particolari condizioni del corpo, ferito dalla malattia e dalle terapie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La guerra di Ricky

next
Articolo Successivo

Napoli, una multa che fa indignare

next