Alfredo Robledo, l’ormai ex procuratore aggiunto di Milano e protagonista dello scontro con il capo della Procura milanese, Edmondo Bruti Liberati, farà ricorso davanti alle Sezioni Unite civili della Cassazione contro il provvedimento preso ieri dalla sezione disciplinare del Csm che ha disposto il suo trasferimento come giudice a Torino, revocandogli le funzioni di pm per la vicenda del presunto scambio di favori con l’avvocato della Lega, Domenico Aiello.

Robledo si è presentato stamattina nel suo ufficio al quarto piano della Procura milanese dove è rimasto a colloquio con i suoi collaboratori. Da quanto si è saputo, nei prossimi giorni il ministero della Giustizia dovrà notificargli un atto che renderà operativa la decisione presa dal Csm con il conseguente trasferimento a Torino. Fino a quel momento Robledo resterà a Milano per concludere il lavoro su alcuni fascicoli di cui era titolare. Dopo la notifica dell’atto da parte del ministero, Robledo presenterà ricorso alle sezioni unite civili della Cassazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, la legge può attendere. “C’è una riunione di Fi”, ennesimo rinvio

next
Articolo Successivo

Fabrizio Corona, al via perizia psichiatrica. Udienza per decisione fissata il 23 aprile

next