A Davos, il nostro Ministero per lo Sviluppo Economico ha presentato in anteprima uno spottone firmato da Leo Burnett per il rilancio del Made in Italy e di tutta la nostra immagine. Impianto di ottima fattura, “vecchia scuola” si direbbe, quella dei tempi d’oro della pubblicità. Il meccanismo retorico è collaudatissimo e funziona sempre: si inquadra un dettaglio cogliendo solo una parte di un contesto (in questo caso un luogo comune, di quelli che ormai ci portiamo tatuati addosso da un pezzo) e poi si allarga il campo fino a scoprire che quel dettaglio era parte di un quadro molto diverso che smentisce totalmente la prima impressione. L’invito è quello di non fermarsi ai luoghi comuni sull’Italia ma di andare oltre, di scoprire quanta eccellenza abbia da vendere. Lo slogan, anch’esso di ottima fattura, chiude al meglio lo spot: “Italy. The Extraordinary Commonplace”.

Così, si lascia intendere che i pochi settori mostrati siano solo una parte di un Paese a qualità totale. Come dire, “Per non parlare di tutto il resto!”. I settori in cui invece facciamo decisamente schifo sono molti ma molti di più. Ci vuol altro a levarci di dosso l’immagine già pessima che abbiamo guadagnato nel tempo, ulteriormente fissata da vent’anni di berlusconismo e non del tutto smentita dal governo Renzi che non è capace di andare oltre i compromessi con Berlusconi. Quell’immagine possiamo togliercela solo con i fatti. Ma devono essere molti, molti di più di quelli elencati nello spot. Non è certo con una preterizione (da “praeterire”, “andare oltre”, figura retorica che scorrettamente attribuisce lo stesso valore di ciò che si afferma anche a ciò che si omette) che riusciremo a far credere che tutto il resto sia altrettanto eccellente.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Bella ciao’ e il webcorteo globale

next
Articolo Successivo

#verybello lascia #senzawords ma con tante domande. E Franceschini risponde

next