Il rischio terrorismo in Italia c’è, sarebbe da sciocchi e da irresponsabili negarlo. Le commistioni tra mafia e terrorismo ci sono state e potrebbero tornare a esserci”. A dirlo è il procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, intervenuto a Napoli per un incontro dedicato alle mafie. E sulla possibilità di creare una superprocura nazionale antiterrorismo presso la Direzione nazionale antimafia, Roberti spiega che i magistrati “sono stati consultati e che è stato dato l’assenso all’attribuzione al procuratore nazionale Antimafia dei poteri di coordinamento anche nella materia del terrorismo. Quindi – conclude Roberti – ora aspettiamo serenamente le decisioni del potere politico”  di Fabio Capasso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, boom di fallimenti, pignoramenti e sfratti. Gli avvocati: ‘Crollano altri contenziosi’

next
Articolo Successivo

Quando il processo crea mostri e vittime

next