Tenere lontano il conflitto israelo-palestinese dalla marcia di Parigi contro le vittime delle stragi di Charlie Hebdo e al supermercato kosher . Per questo – secondo il sito quotidiano israeliano Haaretz – François Hollande avrebbe suggerito al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di non partecipare alla manifestazione a cui erano presenti tre milioni di persone.

Citando fonti israeliane coinvolte nei contatti tra l’Eliseo e Gerusalemme, Haaretz afferma che Hollande aveva mandato un messaggio in tal senso a Netanyahu. Il premier israeliano avrebbe però insistito per prendere parte alla commemorazione e la Francia avrebbe quindi messo in chiaro che l’invito sarebbe stato esteso anche al leader dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen. Sempre secondo Hareetz, la motivazione iniziale di Parigi sarebbe stata quella di voler tenere il conflitto israelo-palestinese fuori “dall’iniziativa, esempio dell’unità europea“. Ma alla fine sia Netanyahu che Mazen hanno partecipato alla marcia repubblicana, al fianco di Hollande e degli altri leader europei e non.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo: metterci la faccia

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, quale lotta al terrorismo dopo Parigi?

next