Tenere lontano il conflitto israelo-palestinese dalla marcia di Parigi contro le vittime delle stragi di Charlie Hebdo e al supermercato kosher . Per questo – secondo il sito quotidiano israeliano Haaretz – François Hollande avrebbe suggerito al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di non partecipare alla manifestazione a cui erano presenti tre milioni di persone.

Citando fonti israeliane coinvolte nei contatti tra l’Eliseo e Gerusalemme, Haaretz afferma che Hollande aveva mandato un messaggio in tal senso a Netanyahu. Il premier israeliano avrebbe però insistito per prendere parte alla commemorazione e la Francia avrebbe quindi messo in chiaro che l’invito sarebbe stato esteso anche al leader dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen. Sempre secondo Hareetz, la motivazione iniziale di Parigi sarebbe stata quella di voler tenere il conflitto israelo-palestinese fuori “dall’iniziativa, esempio dell’unità europea“. Ma alla fine sia Netanyahu che Mazen hanno partecipato alla marcia repubblicana, al fianco di Hollande e degli altri leader europei e non.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Charlie Hebdo: metterci la faccia

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, quale lotta al terrorismo dopo Parigi?

next