Tenere lontano il conflitto israelo-palestinese dalla marcia di Parigi contro le vittime delle stragi di Charlie Hebdo e al supermercato kosher . Per questo – secondo il sito quotidiano israeliano Haaretz – François Hollande avrebbe suggerito al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di non partecipare alla manifestazione a cui erano presenti tre milioni di persone.

Citando fonti israeliane coinvolte nei contatti tra l’Eliseo e Gerusalemme, Haaretz afferma che Hollande aveva mandato un messaggio in tal senso a Netanyahu. Il premier israeliano avrebbe però insistito per prendere parte alla commemorazione e la Francia avrebbe quindi messo in chiaro che l’invito sarebbe stato esteso anche al leader dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen. Sempre secondo Hareetz, la motivazione iniziale di Parigi sarebbe stata quella di voler tenere il conflitto israelo-palestinese fuori “dall’iniziativa, esempio dell’unità europea“. Ma alla fine sia Netanyahu che Mazen hanno partecipato alla marcia repubblicana, al fianco di Hollande e degli altri leader europei e non.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo: metterci la faccia

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, quale lotta al terrorismo dopo Parigi?

next