“La guerra da cancro è diventata metastasi perché tutti fanno guerra ovunque”. Sono le parole di Vauro, che osserva: “Come mi sentirei se ogni giorno che esco mi chiedessero di prendere le distanze sempre dalla mafia?”. E aggiunge: “Gaza è un lager a cielo aperto, è una vergogna. Ma questo non giustifica il terrorismo. Va chiamato crimine. L’attentato di Parigi non è in alcun modo equiparabile alla politica israeliana a Gaza. In Arabia Saudita le donne non possono neanche guidare e lo chiamano Paese arabo moderato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Ferrara: “Se negate che questa è guerra santa, siete un branco di coglioni”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Vauro e Vincino: “La satira è pensiero”

next