“La guerra da cancro è diventata metastasi perché tutti fanno guerra ovunque”. Sono le parole di Vauro, che osserva: “Come mi sentirei se ogni giorno che esco mi chiedessero di prendere le distanze sempre dalla mafia?”. E aggiunge: “Gaza è un lager a cielo aperto, è una vergogna. Ma questo non giustifica il terrorismo. Va chiamato crimine. L’attentato di Parigi non è in alcun modo equiparabile alla politica israeliana a Gaza. In Arabia Saudita le donne non possono neanche guidare e lo chiamano Paese arabo moderato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Ferrara: “Se negate che questa è guerra santa, siete un branco di coglioni”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Vauro e Vincino: “La satira è pensiero”

next