Lunedì 5 gennaio il processo di rientro dal Lussemburgo delle holding di famiglia dei fratelli Prada e di Maurizio Bertelli si è concluso e dalla società è arrivata la comunicazione che tutte le aziende hanno ora sede in Italia, quasi tutte a Milano. “Si completa, così, il riordino della catena di controllo che gli stessi vertici del marchio italiano avevano annunciato nei mesi scorsi. Questo processo è iniziato dopo la fusione di Prada Holding Bv, controllante della società quotata a Hong Kong, in Gipafin Sarl con la nuova holding, anch’essa trasferita da tempo dal Lussemburgo all’Italia”.

All’inizio fu quella che ora si chiamerebbe voluntary disclosure. Dopo la condanna in primo grado per gli stilisti Dolce&Gabbana poi confermata in appello, ma infine annullata con la Cassazione, si era aperto un intero filone di indagini su quelle che gli investigatori della Guardia di Finanza chiamano esterovestizioni. E anche la casa di moda Prada era finita nel mirino della procura di Milano. Poi proprio un anno fa l’Agenzia delle Entrate ha informato che il gruppo Prada aveva “pagato tutte le
imposte dovute in base ad un atto volontario” e che non c’erano “in corso ulteriori verifiche” anche se le norme prevedevano l’obbligo di comunicazione all’autorià giudiziaria.

I pm milanesi Gaetano Ruta e Adriano Scudieri lo scorso settembre hanno chiesto la proroga indagini per “omessa e infedele dichiarazione dei redditi”. L’inchiesta riguarda appunto la presunta “esterovestizione” di Prada Holding, società con sede legale ad Amsterdam. Secondo gli inquirenti, la somma nascosta al fisco si aggirerebbe intorno ai 470 milioni di euro. Un “risparmio” ottenuto grazie anche al trasferimento in Olanda e in Lussemburgo delle principali sedi per sfruttare una fiscalità favorevole, pur continuando a mantenere in Italia il cuore operativo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debito pubblico, Unimpresa: “Oltre 317 miliardi da rifinanziare nel 2015”

prev
Articolo Successivo

Inflazione, Istat: nel 2014 è stata dello 0,2%. È il valore più basso dal 1959

next