Dal 4 dicembre 2014, 76 famiglie, 280 persone, in gran parte straniere e in misura minore italiane, hanno occupato una enorme palazzina in centro a Bologna, proprio davanti agli uffici del Comune. A organizzare il blitz è stato il gruppo Social Log che da mesi organizza occupazioni di fabbricati sfitti e si oppone agli sfratti sempre più numerosi. L’edificio in questione, anni fa sede cittadina della Telecom, oggi di proprietà di un fondo immobiliare tedesco, era vuoto da 11 anni. “Tutte le famiglie che sono qua, fino a pochi anni fa avevano un lavoro e riuscivano a pagare un affitto”, spiega Francesco Bondi di Social Log. “Poi con la crisi del 2008 e la perdita del lavoro, dopo anni che non pagavano l’affitto, per molti qui è sopraggiunto lo sfratto”. Mouna è solo una delle tante persone del Nord-Africa che ha occupato assieme alle sue tre figlie: “La mia storia è iniziata a agosto quando mi hanno sfrattata da casa”, racconta al FattoTv che per primo è entrato negli ‘appartamenti’ ricavati dei vecchi uffici occupati. “Sono andata dagli assistenti sociali, ho chiesto che mi dessero una mano perché non riuscivo a pagare l’affitto. Mi hanno detto che mi avrebbero pagato tre giorni di albergo e un biglietto per tornare al mio paese”. Infine un altro occupante spiega: “Sappiamo che stiamo facendo una cosa illegale, ma dovevamo stare al gelo?”  di David Marceddu

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cagliari, terminal crociere da 5,5 milioni di euro mai usato. ‘Fondale troppo basso’

prev
Articolo Successivo

Neve al nord: primi fiocchi a Milano. Effetto “Buran” su tutta la penisola

next