“Se la minoranza Pd vuole andare al voto, lo dica”. Il messaggio è del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio. Ed è la stessa musica di Matteo Renzi di qualche ora prima e del vicepresidente della Camera Roberto Giachetti. Il governo, dopo lo scontro in commissione con la minoranza Pd, minaccia le elezioni anticipate. Anche se a parole continua a negare di avere voglia di tornare alle urne. “Noi vogliamo continuare e arrivare fino al 2018”, scrive Delrio su Twitter. Gli risponde Massimo D’Alema: “Non minacci i parlamentari e pensi alla crisi del Paese”. Ribatte poco dopo il renziano Matteo Richetti: “Minacce? Della materia ne sa qualcosa”.

Solo ieri la maggioranza è andata sotto su un emendamento dei deputati democratici al ddl Boschi. Oggi è arrivata la nuova serie di richieste di modifica al testo della legge elettorale e sempre dai senatori della minoranza democratica. Il presidente del Consiglio interviene da Ankara (Turchia) e rimanda la resa dei conti a domenica 14, quando ci sarà l’assemblea Pd: “Il voto in commissione alla Camera è stato considerato come un segnale politico. Di segnali politici ne parleremo in modo chiaro in Assemblea. La riforma costituzionale andrà in Aula a gennaio e rispetterà i termini previsti”.

E’ qualche giorno che il clima in Parlamento è sempre più pesante. Il leader Pd spinge per far arrivare le riforme in Aula il prima possibile, e la minoranza non si fa da parte, ma al contrario presenta emendamenti e richieste di modifica. A scatenare le polemiche oggi è la risposta di D’Alema che con una nota entra nel dibattito. “È stupefacente”, scrive, “che una persona ragionevole come il sottosegretario Delrio, nel giorno in cui escono i dati della produzione industriale con l’ennesimo segno meno a conferma della gravità della crisi del nostro Paese, non trovi di meglio che minacciare i parlamentari”. Insomma, c’è crisi e il governo chiede di non ostacolare le riforme: “Delrio”, continua D’Alema, “dovrebbe sapere che le riforme costituzionali sono materia squisitamente parlamentare e che i deputati e i senatori hanno il diritto e il dovere di cercare di migliorare testi che restano contraddittori e mal congegnati malgrado il notevole impegno della relatrice”.

Ma è solo il primo degli attacchi. Il deputato Richetti reagisce: “D’Alema parla di fantomatiche minacce? Evidentemente della materia se ne intende. Quando la minoranza Pd arriva a sostenere di aver mandato sotto il governo per dare un ‘segnale’, viene da chiedersi cosa si debba intendere per minacce politiche. Ad essere stupefacente è vedere come un ex premier del centrosinistra come D’Alema preferisca darsi a polemiche e operazioni da vecchia politica invece di sostenere le riforme che i cittadini aspettano da anni”.

A Palazzo Madama interviene invece il senatore della minoranza Pd Vannino Chiti: “Il Parlamento ha il dovere di approvare una buona legge elettorale, che restituisca ai cittadini italiani la possibilità di scegliere i parlamentari e di determinare le maggioranze di governo. La legge elettorale ha questo scopo: non ha certo il compito di condizionare lo svolgimento delle elezioni politiche in una data o in un’altra”. Se il patto con Berlusconi per il momento reggere, i veri ostacoli per Renzi vengono dai suoi. Ma il premier fa sapere di non voler stare ai ricatti e di essere pronto ad andare alle urne se sarà necessario. Dalla sua parte anche il presidente Pd Matteo Orfini: “Secondo me non è buona norma mandare sotto il governo”. Su Twitter parla invece Angelo Rughetti, sottosegretario per la Pa: “Il partito della palude si è rimesso in moto. Va bene tutto purché non cambi nulla. Ha governato per anni, non ha chiesto scusa e dà lezioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napolitano anti-antipolitica: surreale!

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, il magistrato Alfonso Sabella assessore alla Legalità di Roma

next