Scemo e + Scemo, Jim Carrey e Jeff Daniels diretti nel 1994 da Peter e Bobby Farrelly in una pellicola che li ha resi icone indiscusse del cinema comico demenziale. Un film che ottenne un ottimo successo ai botteghini, guadagnando alla sua uscita più di 400 milioni di dollari in tutto il mondo, diventando successivamente un cult per molti amanti del genere.

A venti anni di distanza dal grande successo del primo capitolo, Leone Film Group e Rai Cinema fanno approdare in sala, in Italia, Scemo e + Scemo 2, in cui ritroveremo i due squinternati protagonisti, calati nei panni dei leggendari Lloyd ed Harry. Di tempo ne è passato tanto e ovviamente nessuno dei due è cresciuto, i protagonisti sono rimasti gli squilibrati capaci delle follie a cui ci avevano abituati, fatta eccezione per il fatto che uno dei due scoprirà di avere una figlia, notizia che li farà imbarcare in un viaggio decisamente fuori di testa.

Tappa dopo tappa, disastro dopo disastro, inizia questo lungometraggio on the road costellato di gag esilaranti e situazioni grottesche, nuovamente diretto dai fratelli Farrelly, la coppia di registi dietro la macchina da presa di Tutti Pazzi per Mary. La pellicola, nella quale troveremo anche Laurie Holden, Angela Kerecz e Kathleen Turner, arriverà nei nostri cinema il prossimo 3 dicembre dopo aver racimolato, soltanto durante il primo weekend di programmazione negli Stati Uniti, oltre 38 milioni di dollari. Vedremo se il duo comico riuscirà a eguagliare, o perché no, a superare i risultati del precedente film.

La clip in esclusiva di Scemo e più scemo 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Due giorni, una notte’: i Dardenne raccontano il diritto al lavoro al tempo della crisi

next
Articolo Successivo

“La Trattativa” di Sabina Guzzanti: il film richiesto da cittadini e scuole

next