Il 14 novembre “La trattativa” di Sabina Guzzanti è arrivato in Parlamento. Poi, non si è più fermato perché a chiedere le proiezioni, al di fuori circuito cinematografico, sono i cittadini. Singoli, scuole e associazioni che, da Nord a Sud, vogliono vedere il film, uscito il 2 ottobre 2014 sugli schermi italiani e presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, che racconta il patto Stato-mafia, le stragi degli anni Novanta e i rapporti tra la politica e Cosa Nostra.

“Vedere #LaTrattativa in Parlamento – scrive la regista su Facebook – ha scatenato tante energie, tanta commozione”. Il video della proiezione in Parlamento in cui Guzzanti parla del film, infatti, è stato condiviso da oltre 15mila persone, con più di due milioni di visualizzazioni. Poi spiega per quale motivo ha deciso di dare il via all’iniziativa dal basso: “Nel dibattito sono andata a braccio e mi hanno detto: ‘Se gli italiani vedessero questo film, comincerebbero ad aprire gli occhi. Capirebbero chi sono i nostri veri nemici’. Per questo – prosegue – raccolgo con entusiasmo le vostre tante richieste di riportare il film nelle sale. Sarà molto difficile, ma non possiamo lasciare il nostro Paese a chi lo sta distruggendo”.

Dunque, si può portare la proiezione dentro le scuole e i cinema della propria città. Nel primo caso è possibile inoltrare la richiesta compilando questo form, per gli altri – continua su Facebook Guzzanti – “è leggermente più complicato: bisogna garantire al proprietario del cinema dove abitate che glielo riempiamo un giorno o più giorni. Quindi bisogna che facciate dei gruppi dalle 150 persone in su”. E’ nato ad hoc anche il gruppo La Trattativa continua e come singoli cittadini, è possibile anche compilare questo modulo. “Al raggiungimento di 300 persone per singola città – dice la regista – contatterò i proprietari dei cinema per chiedere la loro disponibilità a proiettare il film”.

La Trattativa, precisa Guzzanti, arriva “in tutte le scuole grazie all’impegno dei militanti 5 stelle e di molte altre associazioni. Tra loro ci sono le agende rosse, gli spazi occupati e cittadini, che si muovono organizzandosi semplicemente sui social network”, rilanciando l’iniziativa con alcuni slogan. Da “a Natale facciamoci un bel regalo, cambiamo questo paese”, fino a “Fuori la mafia dallo stato la trattativa deve continuare solo al cinema”. E c’è anche una mappa costantemente aggiornata attraverso la quale è possibile seguire tutti i teatri, i cinema e gli spazi dove viene proiettato il film. I prossimi appuntamenti sono a Torino (3 dicembre 20.30 al Cinema Massimo e al Cinema Erba), a Milano (il 4 dicembre a Macao e al Cinema Beltrade dal 6 dicembre fino ad esaurimento spettatori). Per quanto riguarda Roma, Catania, Palermo, Bologna, Bari, Firenze, Napoli e Cagliari, invece “stiamo cercando una sala – precisa Guzzanti – e siete tutti invitati a darci una mano”.

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Scemo e + Scemo 2, Jim Carrey e Jeff Daniels ritornano per colpire ancora

next
Articolo Successivo

‘Scemo e più Scemo 2’: bentornati picchiatelli!

next