“‘A mia insaputa‘ non è un’invenzione di Claudio Scajola, così come ‘L’ho fatto per il partito‘ non è un’esclusiva di Tangentopoli. Il malcostume politico italiano, quello che caratterizza la Casta, ha origini ben più lontane”. Filippo Maria Battaglia, giornalista e scrittore, ha raccolto gli abusi, gli scandali, i vizi della classe dirigente al potere dal 1948 al 1963. Il risultato è stato il libro “Lei non sa chi ero io!” (Bollati Boringhieri), presentato alla libreria Utopia di Milano. All’evento ha partecipato anche l’ex magistrato Gherardo Colombo che ha sottolineato come “La casta rispecchi molto bene il Paese, fatto di corporazioni”. Intervenendo sul tema anche il direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez, ha aggiunto: “Con l’abolizione dell’autorizzazione a procedere, i processi ai politici sono più frequenti. Così, negli ultimi anni, gli interventi legislativi sulla giustizia hanno voluto rendere più difficoltosa la loro celebrazione”  di Stefano De Agostini

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, Renzi: “Non escludo l’intervento pubblico per non perdere l’acciaieria”

next
Articolo Successivo

Berlusconi torna in campo (con gli anziani), visto con ‘L’occhio che uccide’ di Ricky Farina

next