Su una scala dello spreco da 1 a 7 gli italiani, oggi, si collocano esattamente a metà. Si sforzano di non sprecare il cibo, dalla spesa alla tavola, spinti dalla crisi. È quanto emerso in un convegno a Milano, organizzato da tre associazioni di consumatori (Adiconsum, Cittadinanzattiva e Movimento consumatori). Il titolo: “Indagine sullo spreco alimentare delle famiglie”. Quindi polpette, sughi e macedonie sono le scelte più gettonate per riutilizzare gli avanzi, a volte – come è stato spiegato durante il convegno – venendo a patti con l’etichetta che indica la data di scadenza. La vera criticità, spiegano gli esperti, “è nella grande distribuzione e nelle mense pubbliche, dove a fronte di un surplus di esposto sugli scaffali e di cucinato, si creano sempre forti situazioni di spreco  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, finirà mai il tafazzismo?

prev
Articolo Successivo

Movimento 5 Stelle e pulp: Ezechiele 25,17

next