Continua a scendere la fiducia nel governo Renzi. Secondo i dati elaborati dall’Istituto Ixè per Agorà, l’esecutivo gode ora della fiducia del 39% degli italiani, contro il 41% registrato la scorsa settimana. Cresce, tra gli elettori, la percentuale del non voto, che passa dal 35,9% al 38,2%, confermando il clima di sfiducia nei confronti della classe politica evidenziato dalle regionali in Calabria ed Emilia Romagna, dove si è registrato un astensionismo record. Chi ha avuto un buon risultato dall’ultima tornata elettorale è sicuramente la Lega di Matteo Salvini, che, con un incremento di due punti rispetto all’ultima rilevazione, passa al 24% nell’indice di gradimento dei leader, attestandosi al terzo posto dietro al premier, col 43%, e al presidente Napolitano (39%), in una classifica in cui Berlusconi, con il 16%, ha superato di un punto Grillo, in calo dopo gli scontri interni al Movimento 5 stelle che ha portato a altre due espulsioni dei parlamentari Artini e Pinna. A questo proposito il 22% degli elettori M5S intervistati concorda con il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, che qualche giorno fa aveva dichiarato: “Gli italiani sono stufi anche di noi”.

Il partito del non-voto
L’astensionismo ha dominato le ultime regionali: solo il 43,8% degli elettori calabresi si è recato alle urne, mentre in Emilia Romagna i votanti non hanno neanche superato il 38%. Ixè ha interrogato questi ultimi sulle ragioni dell’astensione. Il 48% degli intervistati ha spiegato di non essersi recato alle urne a causa di una sfiducia complessiva nella politica. In totale, oggi si asterrebbero dal voto nazionale il 38,2 per cento degli italiani. 

I partiti: cresce ancora la Lega
Il sondaggio Ixè mostra una discrepanza tra la fiducia nel leader e quella nel partito. Dopo l’ottimo risultato nelle elezioni regionali in Emilia Romagna, la Lega Nord continua a crescere nelle intenzioni di voto, attestandosi al 9,4% (+0,4%). Le percentuali dei partiti rimangono pressoché stabili, con il Pd che resta nettamente in testa nei sondaggi con il 38%, seguito dal Movimento 5 stelle, al 19,6 e da Forza Italia, con il 14,8%. Non stanno influendo quindi i problemi interni ai primi tre partiti, che hanno visto accentuarsi nell’ordine le polemiche tra i renziani e l’ala sinistra del Partito democratico sulla votazione del Jobs act, le divisioni tra i grillini e le critiche a Berlusconi da Fitto e altri esponenti di Forza Italia.  Nelle intenzioni di voto per gli altri partiti Sel è al 3,7% (+0,2), Fratelli d’Italia al 3,2% (-0,2), Ncd al 2,6% (-0,2), Prc al 2,1% (-0,1), Udc al 1,8% (-0,1), Verdi al 1,2% (-0,2), Scelta civica allo 0,2% (+0,1).

Il sondaggio Swg. Secondo un altro sondaggio realizzato da Swg, invece, il Partito democratico perderebbe 0,5 punti rispetto alle intenzioni di voto della scorsa settimana e si attesterebbe al 38,5%. Il dato più rilevante è però il boom della Lega, che in una settimana sale dal 9.2 all’11.8%. Continua la discesa del Movimento 5 stelle, che in questa rilevazione è dato al 17.8%, perdendo ben 2 punti. Forza Italia è data al 14,2% in calo di un punto e mezzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, Cecconi: “E’ il passo indietro di Grillo. Spero Movimento sarà all’altezza”

next
Articolo Successivo

M5S: la decrescita infelice

next