Il voto alle regionali dell’Emilia Romagna segna una nuova pietra miliare nella storia della Lega Nord. Il partito più vecchio d’Italia ha raccolto un consenso inimmaginabile solo qualche mese fa, sfiorando il 20% dei voti e raddoppiando il dato in termini assoluti rispetto alle scorse europee. Sullo sfondo resta l’astensionismo e anche Matteo Salvini ne riconosce il peso negativo. “Abbiamo quadruplicato il nostro dato, ovviamente sono felice”. E quando gli si chiede del futuro del centro destra non la butta in politica, ma prova a virare su temi concreti: “Vogliamo costruire un’alternativa al renzismo, che ha fallito. Vogliamo un’immigrazione controllata e vogliamo meno tasse“. Il leader del Carroccio dice di non aver ancora sentito Berlusconi: “Quando lo sentirò – puntualizza – gli chiederò di sedersi a un tavolo e di aprire una discussione dati alla mano”. E sulla possibilità di un futuro alla guida del centrodestra conclude: “Il leader del centrodestra lo si sceglierà nelle piazze, non nelle sedi di partito. Ci sono tanti nomi, anche io sono a disposizione”  di Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Regionali 2014, Cecconi (M5S): “Abbiamo perso tutti”

prev
Articolo Successivo

Lega, Salvini: “Prestito di 9 milioni di Putin alla Le Pen? La invidio profondamente”

next