Spettatore ti presento Frank (Fassbender), frontman della band d’avanguardia Soronprfbs. Si sa, il confine tra genio e follia è labile, ma Frank non ci mette la faccia: indossa una gigantesca maschera di cartapesta, i suoi connotati non li conosce nessuno, eppure si proclama “il più sano di tutti”. A vedere con chi suona, ha anche ragione, ma il peggio è da venire: la baita irlandese che dovrebbe fare da fucina creativa per il nuovo lavoro dei Soronprfbs si trasforma ben presto in una gabbia di matti, sebbene…

Ispirato a Frank Sidebottom, alter ego mascherato del musicista UK Chris Sievey, Frank è quel piccolo grande liberissimo film che sa vivere sul confine, anzi, su più confini: genio-follia, appunto, ma anche comico-patetico, weird-umanista, emarginato-spettacolare. Tanta roba, insomma, con un surplus musicale non trascurabile e un Michael Fassbender in stato di grazia: la maschera non lo limita, lo esalta. Un one man show che più border non si può, dunque, ma quando nel finale Michael canta I Love You All … come si può non ricambiare?

Il trailer di Frank

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Nightcrawler’: da ladro a sciacallo, basta che sia lavoro

next
Articolo Successivo

Cinema e memoria: da Pesaro a Torino, l’Italia schiacciata sul presente

next