Non ce l’ha fatta la giovane promessa della Virtus Lanciano Lorenzo Costantini morto di leucemia a Philadelphia dove era volato per curare la malattia. La notizia della scomparsa del calciatore 20enne è stata data dalla stessa società abruzzese che ha voluto ricordare il calciatore del settore giovanile esprimendo il suo cordoglio alla famiglia. La storia di Costantini aveva unito nei mesi scorsi il mondo del calcio con una raccolta fondi arrivata a 500mila euro che ha permesso al giovane calciatore di andare a curarsi negli Stati Uniti.

Il calciatore è morto domenica mattina nell’ospedale statunitense dove era ricoverato da circa due mesi. Negli ultimi giorni le condizioni cliniche del ragazzo, già sottoposto a trapianto di midollo osseo a Bologna, erano notevolmente peggiorate. Il giovane era così andato negli Usa per le cure sperimentali del metodo Car, costo 600mila dollari, e l’intero mondo calcistico nazionale era intervenuto con generose donazioni per aiutare Lorenzo, su iniziativa del procuratore di Marco Verratti, Donato Di Campli.

La storia di Lorenzo aveva commosso tutta Lanciano e per la sue cure si era mobilitato l’intero Abruzzo, oltre a numerose società di serie A, che hanno aderito alla lunga catena di solidarietà. Nei giorni scorsi la sorella Rossana, che era col fratello negli Usa, aveva rilasciato un’intervista telefonica parlando di una situazione difficile e di una probabile ripresa della chemioterapia. Per l’intera giornata sono stati tantissimi i messaggi di cordoglio sulla sulla pagina Facebook ‘Lorenzo facci un goal’, dal nome dell’iniziativa per far curare il giovane calciatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carrara, lottizzazioni e allarmi inascoltati: la storia “nera” degli argini sbriciolati

prev
Articolo Successivo

Moncler, Bertelli (Prada): “Polemica su spiumaggio oche? Gabanelli stupida”

next