Avvio con “inconveniente” per l’inaugurazione della nuova metro C di Roma. Il primo treno è arrivato al capolinea solo dopo uno stop forzato quattro stazioni dal capolinea. Il convoglio, partito dalla stazione di Centocelle alle 5.30 e diretto a Pantano, è stato ‘bloccato’ alla fermata Due Leoni-Fontana Candida dove sono stati fatti scendere dai vagoni i passeggeri. “Non c’è stata alcuna interruzione nella corsa del primo treno partito dalla stazione di Centocelle. Il treno – fa sapere l’Atac – si è fermato solo alcuni minuti per consentire la soluzione di un problema tecnico proprio per evitare limitazioni e completare la corsa. I passeggeri hanno raggiunto il capolinea senza bisogno di cambiare treno”. 

“Oggi inauguriamo questo primo tratto, ma lo facciamo con la determinazione di arrivare a inaugurare presto le stazioni di Lodi e San Giovanni e quindi finalmente a intersecare le nostre linee della metropolitane in modo che Roma diventi sempre più una capitale europea –  dice il sindaco di Roma Ignazio Marino arrivando questa mattina alla stazione Pantano. – La metro C è un progetto molto importante: dalla visione di Francesco Rutelli negli anni 90 all’attivazione del progetto di Walter Veltroni nei primi anni 2000 fino al grave rallentamento della giunta Alemanno che addirittura indicò che la data di consegna della stazione San Giovanni a data da definirsi, mentre sarebbe dovuta essere pronta nell’aprile 2011. Noi dal primo giorno del nostro insediamento abbiamo deciso che questa era una priorità per i cittadini e abbiamo impresso tutta l’accelerazione possibile a un’opera importante non solo per i romani ma per tutto il Paese”.

Il servizio sulla prima tratta della metro sarà attivo ogni giorno fino alle 18.30. La prima tratta Monte Compatri/Pantano – Parco di Centocelle della metro C è composta da 15 stazioni, cinque di nuova costruzione e dieci adeguamenti delle stazioni di superficie del vecchio tracciato finale delle ferrovie Laziali. Un percorso di 12,5 km (4,3 in sotterranea e 8,2 in superficie) che permette un collegamento veloce tra i quartieri Alessandrino, Prenestino-Centocelle, Torre Maura, Torre Angela fino al confine orientale della città di Roma (Grotte Celoni, Borghesiana, Finocchio), con l’ultima stazione di Pantano nel comune di Monte Compatri. Nel tratto sotterraneo la metro C corre a 30 metri di profondità all’interno di due gallerie a singolo binario. I treni della linea C non hanno conducente a bordo. Sono controllati e guidati dal Sistema di Automazione Integrale ‘driveless’ che consente di gestire la linea in modo completamente automatico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carrara, dopo l’alluvione cittadini occupano il Comune. Sindaco scortato da polizia

next
Articolo Successivo

La Lega Nord e la propaganda sulla pelle dei rom

next