“Ringrazio per la donazione, ma l’iniziativa è sospesa e l’importo è stato rimborsato presso il conto da cui è partito il bonifico”. Firmato Beppe Grillo. E’ il contenuto della mail ricevuta dalla redazione del programma di Michele Santoro “Servizio pubblico” e da “Lateral” di Radio Capital. Entrambi avevano risposto all’appello del leader del Movimento 5 stelle che in occasione della sua visita a Genova nei giorni del post alluvione aveva detto: “Se volete intervistarmi donate 2mila euro da devolvere agli alluvionati a questo conto bancario”.

A raccontare l’accaduto per primo è stato il conduttore di Lateral Luca Bottura che ha pubblicato su Twitter copia del bonifico con tanto di appuntamento per venerdì 31 ottobre alle 8.15 a Radio Capital. I soldi erano stati raccolti grazie alle donazioni degli ascoltatori che avevano accettato di partecipare all’iniziativa per beneficenza. Ma al giornalista è arrivata una mail dallo staff di Grillo in cui si spiega che: “L’importo è stato rimborsato presso il conto da cui è partito il bonifico, in quanto l’iniziativa è temporaneamente sospesa”. Stessa mail, secondo quanto riporta l’agenzia Adnkronos, è arrivata anche alla redazione di “Servizio pubblico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diritto d’autore: il monopolio Siae va abolito

prev
Articolo Successivo

Discovery Channel, il quarto incomodo

next