“Prima erano tutti negazionisti. Dopo anni di accuse e battaglie contro la mafia, improvvisamente sono diventati tutti giustificazionisti: bene, hanno fatto bene, con la mafia si tratta”. Sono le parole di Marco Travaglio, che sottolinea: “Qui lo Stato s’è legato le mani dietro la schiena e le ha date tutte vinte ai boss che avevano consegnato Riina e chiuso la trattativa: Provenzano e i suoi fedelissimi. Il generale Mori, ex capo del Ros dei CC, è imputato in appello (dopo l’assoluzione in I grado) perché nel ’95 poteva catturare Provenzano in un casale di Mezzojuso, grazie alla soffiata di un confidente, e invece” – continua – “lo lasciò scappare. E questo si sa. Nessuno sa che 2 anni prima, nel ’93, il Ros aveva fatto la stessa cosa con Nitto Santapaola, boss di Catania, anche lui latitante e provenzaniano, e dunque intoccabile. Attenti, perché è una storia da film, anzi da tragicommedia”. Il condirettore de Il Fatto Quotidiano ricostruisce poi gli eventi (GUARDA LA PRIMA PARTE)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, la ricostruzione di Scarpinato su Mori e sull'”uomo nero”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, nel covo di Riina: parla il pentito Santino Di Matteo

next