leopolda-renziMi chiedono spesso, negli ultimi mesi, perché non scrivo più nulla sulla comunicazione di Renzi. La risposta è semplice: perché la trovo ripetitiva e mediocre, da una parte, e non mi diverto; perché registro ogni giorno, d’altra parte, che, data la mancanza di avversari (Forza Italia? assente e/o confusa con il Pd. Movimento 5 Stelle? presente, dicono, ma non se ne sa più nulla, a parte certi autogol di Grillo), e data la mediocrità ancor più mediocre della comunicazione politica italiana, Renzi finisce per svettare. O meglio, per parlar da solo. Solo nel deserto, con tutti i media – a parte poche eccezioni – che gli fanno la ola.

Con questo non dico affatto che Renzi sbagli, anzi è vero il contrario. È vincente la comunicazione di Renzi? Certo che lo è. A chi parla Renzi? A chi sta già bene, perché ha già un lavoro, una casa di proprietà e si può permettere l’iPhone, le macchine fotografiche digitali e i tablet che Renzi sbandiera come simboli di innovazione, futuro e speranza. A chi riesce a credere che nel Jobs Act ci sia tutto quel che dicono i suoi slogan senza averne mai letto una riga. A chi riesce a credere che l’alternativa sia davvero fra un Pd al 25% e un Pd al 41%, come l’ha messa ieri, dimenticando che sono percentuali che si riferiscono a competizioni elettorali molto diverse (politiche e europee) e dimenticando le percentuali sempre più alte di astensione.

L’astensione, ecco il punto. Dentro all’astensione finiranno tutti coloro che non si possono permettere l’iPhone, non hanno casa, non hanno lavoro e non credono più alla politica. A venti come a cinquant’anni e passa. Mentre Renzi porterà a casa una percentuale alta di voti, che gli permetterà di governare. In assenza di avversari veri e con percentuali altissime di astenuti, ci riuscirà. Come si fa in Usa, sì. Senza però avere i vantaggi degli Usa, ma solo gli svantaggi. È questo il futuro che ci attende: «Il futuro è solo l’inizio», per riprendere uno slogan della Leopolda. Facciamocene una ragione, altrimenti è «come voler mettere un gettone del telefono nell’iPhone». Per chi l’iPhone ce l’ha.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Internet: Bill of rights, si apre la consultazione online. Ora possiamo dire la nostra

prev
Articolo Successivo

Nuove tecnologie: il telefono è smart, ma la Protezione Civile un po’ meno

next