Nella notte tra sabato e domenica Remi Fraysse, studente ventunenne di Tolosa, Sud-Ovest della Francia, è morto negli scontri con la polizia durante una manifestazione contro la diga del Siviens. Secondo le prime ricostruzioni apparse sui siti dello Zad (Zone a Defendre), organizzazione che coordina le proteste, Fraysse sarebbe caduto in terra dopo l’esplosione di una granata sonora lanciata dalle forze dell’ordine. Il corpo del ragazzo è stato prelevato dalla Polizia che in giornata dovrebbe rivelare, dopo aver fatto eseguire l’autopsia, le cause della morte. Intanto nella giornata di ieri altri duri scontri si sono registrati in diverse città del Sud-Ovest della Francia. In particolare le manifestazioni più violente si sono registrata a Galliac, cittadina alle porte di Tolosa (immagini da canali Youtube ‘virtureel’ e ‘Line Press’, montaggio di Cosimo Caridi)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caffè: se i cambiamenti climatici minacciano le piantagioni

prev
Articolo Successivo

Torre Guaceto, “stop reflui del depuratore nella riserva marina”. Ma tra 4 mesi

next