Il M5S incontra i Verdi al Parlamento europeo. L’incontro è previsto nel pomeriggio di martedì 22 ottobre, rigorosamente a porte chiuse. Lo conferma al telefono a ilfattoquotidiano.it David Borrelli, co-presidente del “neo rinato” gruppo Efdd, anche se non si sbilancia sul contenuto dell’incontro. “Hanno chiesto loro di parlarci, vedremo di cosa si tratta”. Scontato che sul tavolo ci sia anche la proposta di un’alleanza politica al parlamento, anche se il gruppo Efdd risulta ufficialmente ricostituito.

Non si trarra della prima volta che i Cinque Stelle parlano con i colleghi verdi ma questa volta la conversazione si annuncia più che frizzante vista l’esplicita proposta di unire le forze in Europa avanzata dai due copresidenti del gruppo verde via mail lo stesso giorno dello scioglimento del gruppo del M5S e Farage. Lo stesso Philippe Lamberts, uno dei copresidenti verdi, aveva detto che “la porta dei verdi rimane aperta” perché “i punti in comune sono più forti di quelli contro”. Lamberts era andato addirittura oltre, invitando i colleghi “grillini” “a non rovinarsi la reputazione con persone con le quali non hanno niente da spartire”.

Fonti interne ai Verdi non escludono la possibilità che si parli di alleanze future in caso il rattoppato gruppo Efdd non dovesse tenere. La compagine euroscettica di Grillo e Farage continua ad esse costituita da delegazioni composte da un solo deputato e quindi resta soggetta al pericolo scioglimento in caso un deputato, come nel caso della Grigule, dovesse scegliere di uscire dal gruppo. Proprio per esorcizzare questo pericolo, Farage starebbe cercando altri deputati tra i non iscritti o pronti ad abbandonare la propria famiglia politica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ue, ok del Parlamento Europeo alla commissione Juncker: 423 sì, 209 no

prev
Articolo Successivo

Dalla Ue stop a aranciata senza arance e frodi sull’olio extravergine di oliva

next