Qualcuno sarà portato a pensare che gli ebook mi sono antipatici. Più d’uno se ne è già convinto quando a metà settembre ho osato parlare di una vulnerabilità nel contesto dell’editoria elettronica. Non lo avessi mai fatto. Trafitto dagli strali di chi – non conoscendomi – mi ha dipinto come un ripudiatore dell’innovazione voglio subito precisare che stavolta io non c’entro nulla.

A scanso di equivoci (ma con sicuro dolore di chi dovrà indirizzare altrove i commenti più beceri) il “colpevole” di quel che sto per scrivere ha un nome e un cognome. Si chiama Nate Hoffelder e il suo blog si intitola The Digital Reader. Chi vuole insultarlo (magari in dialetto, così non capisce e non si offende) lo può trovare su Twitter e bersagliare direttamente sul suo magazine online anche per circostanze che io non ho riportato né riporterò in futuro.

Veniamo al dunque. Hoffelder avrebbe scoperto che il software “Digital Editions e-book and PDF reader” registra tutto quel che fa chi se ne serve e spedisce le relative informazioni ad Adobe, casa produttrice dell’applicazione. Una volta sinceratosi di questa circostanza l’avventuroso Nate ha ritenuto opportuno rappresentare l’accaduto ad Adobe, ma l’azienda (forse troppo impegnata a leggere i log in arrivo da tutto il mondo) non ha dato alcun riscontro e si è limitata a comunicare ad un’altra testata giornalistica di maggior caratura un laconico messaggio in cui si assicurava che la faccenda era sotto la lente dei loro esperti.

Digital Edition (DE) è il programma utilizzato da migliaia di biblioteche per offrire al pubblico la consultazione di opere in loro possesso che soggiacciono a particolari vincoli di fruizione come quelli previsti dal digital rights managament. Come un vecchio bibliotecario di un tempo, DE verifica se l’esemplare dell’ebook è disponibile oppure se è già utilizzato da qualcuno. E fin qui poco male. Anzi, niente di strano.

In realtà il software in questione è molto più solerte dell’omino che aveva in custodia libri e scaffali, perché stabilisce una connessione con il server “adelogs.adobe.com” cui invia un file ricco di dettagli. Grazie a questa comunicazione Adobe è in grado di conoscere chi è il lettore (DE chiede all’utente di inserire il proprio Adobe-ID), cosa sta leggendo, quando ha “ritirato” l’e-book, a che pagina è arrivato, a che velocità sta procedendo… Questo flusso non è confortante perché consente la schedatura, ad esempio, di interessi e passioni, opinioni politiche, convinzioni religiose o filosofiche, ed anche orientamenti sessuali.

Secondo Nate Hoffelder l’incredibile storia ha anche un ulteriore, non meno sorprendente lato B. Adobe non si limiterebbe – secondo lui – a prender nota di quel che gli utenti fanno con DE, ma non esiterebbe (proprio grazie a tale applicazione) ad eseguire una scansione del computer dell’utilizzatore, andando a rastrellare i metadati di tutti gli ebook memorizzati sul disco fisso e radiografando “chi ha cosa”.

Sperando che qualcuno dell’ufficio del nostro Garante della Privacy trovi il tempo di approfondire la questione e capire se c’è da preoccuparsi, chi è già pronto ad avviare la sassaiola di commenti si rivolga a chi ha tirato fuori la vicenda. Chi vuole andare a rigare l’automobile del responsabile della rivelazione o a bucarne le gomme, sappia che Nate vive in Virginia, al numero 13884 di Montorlay Lane in quel di Woodbridge, città il cui nome potrebbe erroneamente portare i web-vendicatori anglofoni su per il Parco dello Stevio fino a Ponte di Legno…

 

Twitter @Umberto_Rapetto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, Edoardo Caltagirone licenzia i giornalisti di T9 ma tiene la Ferrari

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Ricchezza è nobiltà”. Riguarda tutti i video della terza puntata

next