Condivido l’impianto generale della norma, ma alcuni aspetti devono essere modificati, si devono prevedere contrappesi”. E’ l’opinione di Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione sul decreto Sblocca Italia. “Non trovo scandaloso – continua a margine della consegna del premio Pio La Torre a Roma – che l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Michele Elia sia stato anche nominato come commissario straordinario delle tratte Napoli-Bari e della Palermo-Catania-Messina, ma non condivo i poteri affidatigli in materia ambientale“. Sullo stallo della legge anticorruzione denunciato dal presidente del Senato Pietro Grasso, dice: “E’ necessario accelerare, ma il problema è anche coordinare le numerose iniziative legislative in materia”   di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Vendola (Sel): “Governo Renzi-Marchionne-Sacconi fa politiche di destra”

next
Articolo Successivo

Fi, Berlusconi vs Fitto: “Sei figlio della vecchia Dc, se vuoi puoi andare via”

next