Non si tratta di un’ordinanza per sparare ai lupi in Lessinia, ma di un documento che – tenendo conto delle crescenti preoccupazioni di residenti, famiglie e allevatori delle zone montane del territorio veronese – vuole dare maggiori garanzie di sicurezza alla cittadinanza”. Così il sindaco di Verona (Lega Nord), Flavio Tosi, smonta le polemiche esplose negli scorsi giorni dopo che ha pubblicato un’ordinanza in cui si autorizzano i cittadini a “sparare ai lupi” presenti nelle valli del Parco naturale della Lessinia, intorno alla città. “Per chi vive in città – spiega Tosi che è anche presidente di Federcaccia Veneto – non è facile capire la difficile situazione venutasi a creare con la ricomparsa del lupo in alcune zone del nostro territorio. Si tratta di un animale predatore, la cui presenza diviene ogni anno più numerosa e che, con i suoi attacchi al bestiame domestico, rappresenta un problema di non facile gestione per gli allevatori. E poi – prosegueil lupo è estinto da decenni e si è estinto ovunque, perché è incompatibile con un ambiente atrofizzato”. Decisione che, però, non è stata digerita dal Corpo Forestale che ha presentato alla Procura una richiesta di valutazione di legittimità del provvedimento. Ma Tosi non sempre colpito: “In Italia le denunce fioccano, gli esposti pure e qualcuno si diverte”. E alla domanda “se sparerebbe a un lupo”, Tosi risponde: “Io sono un cacciatore, ma francamente no. Il lupo è un canide e io ho cani da tutta la vita e quindi mi troverei a disagio”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Capodoglio morto, cosa avviene al nostro mare?

prev
Articolo Successivo

Tosi la smetta con le sue provocazioni: tuteliamo i nostri animali

next