Un legale alla presidenza di Equitalia: Vincenzo Busa sarà il nuovo presidente. E’ stata questa la scelta dell’Agenzia delle Entrate per il dopo Befera. Busa attualmente è direttore centrale Affari legali e contenzioso delle Entrate. In passato ha a lungo ricoperto, sempre in Equitalia, il ruolo di direttore centrale di Normativa e contenzioso ed è stato anche il direttore regionale del Lazio.

Nato nel 1951, laureato in giurisprudenza, Busa è un dirigente di lungo corso dell’Agenzia, esperto soprattutto di normativa. In passato ha già ricoperto il ruolo di consigliere di amministrazione di Equitalia e componente del Comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate. Ha fatto parte di numerosi Comitati e commissioni di studio presso il ministero delle Finanze e quello dell’Economia. E’ anche stato ispettore del Secit. Attualmente, oltre all’incarico di direttore Affari legali dell’Agenzia, tiene docenze presso la Scuola superiore dell’Economia e le Università di Tor Vergata, Napoli e Perugia.

La scelta di Busa arriva dopo un periodo di impasse determinato dalla “bocciatura” di Luigi Magistro cooptato nel Cda di Equitalia prima della nomina di Rossella Orlandi a direttore delle Entrate. L’indicazione del presidente di Equitalia spetta infatti all’Agenzia delle Entrate e l’arrivo di Orlandi ha determinato un ripensamento rispetto alla prima indicazione di Magistro che ha scelto di farsi da parte. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elusione fiscale, dal Tesoro Usa stretta su multinazionali che “scappano” all’estero

prev
Articolo Successivo

Jobs Act, Padoan: “Ci saranno i soldi per la nuova disoccupazione”

next