Manca solo la banda. E qualche personalità politica, ma oggi arriverà il premier Matteo Renzi. Per il resto al porto di Genova è tutto pronto per accogliere come fosse una festa nazionale il corteo funebre di un relitto nel quale la sera di venerdì 13 gennaio 2012 a causa dell’allora comandante Francesco Schettino persero la vita 32 persone. Quello che già ieri sera si vedeva davanti al porto di Genova è il cadavere trascinato da due rimorchiatori di quella che un tempo era la Concordia della compagnia Costa Crociere. Ma non ci sono più segni distintivi, il comignolo giallo con la C blu che contraddistingue tutte le barche della società è stato cancellato pochi giorni dopo l’inchino. Non avrebbe fatto una buona pubblicità, ovviamente.

E per quanto l’opera di recupero della nave sia un’operazione di straordinaria ingegneria, è stata realizzata per porre rimedio a un errore che ha causato 32 vittime. Loro, come tutti gli altri 4200 passeggeri e i membri dell’equipaggio, aspettano il risarcimento che complessivamente dovrebbe ammontare a 100 milioni di euro. Mentre a Grosseto è in corso il processo. L’isola del Giglio ha chiesto 80 milioni di euro alla Costa Crociere per i danni provocato dalla nave, mentre Schettino lo scorso 27 maggio ha chiesto la nullità del processo. E poi se n’è andato a Ischia a ballare, a farsi fotografare come una sorta di vip. Della tragedia. Che sembra dimenticata. Renzi, ieri, ha detto che “l’operazione è stata straordinaria, quando l’Italia vuole è capace di fare tutto”. Anche affondare navi e dimenticare 32 vittime.

Il Fatto Quotidiano, 27 luglio 2014

Segui la diretta Twitter da Genova di @davide_vecchi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calcio dilettanti, “mazzette per far giocare i figli”. Inchiesta della Procura di Genova

prev
Articolo Successivo

Concordia, si è concluso l’ultimo viaggio. Relitto in banchina a Genova. Ora per ora

next